giovedì 3 ottobre 2013

Intervista a Daniele Caluri


Alla fine della scorsa settimana siamo riusciti a mostrarvi in anteprima assoluta la copertina disegnata da Daniele Caluri per l'edizione variant di "Avengers" # 5. Come promesso in quella stessa occasione, oggi abbiamo il piacere di pubblicare anche un'intervista esclusiva al disegnatore livornese, per conoscerlo meglio e per saperne qualcosa in più su questo suo primo impegno professionale sugli eroi della Marvel, dopo tanti apprezzati lavori per il mercato italiano e francese. Prima di lasciarvi alla lettura, ringraziamo l'autore per la sua gentilezza e la sua disponibilità: non solo ci ha concesso questa interessante intervista, ma ci ha anche permesso di presentare la versione in bianco & nero dell'immagine. Vi invitiamo ad andare a conoscerlo di persona allo stand Panini Comics di "Lucca Comics & Games", per scambiare quattro chiacchiere con lui e farvi autografare una copia dell'albo.

Come ti sei avvicinato al mondo del fumetto, sia da lettore che da autore?

È accaduto da che ho memoria. Ho imparato a leggere a 3 anni con i fumetti e da quel momento ho desiderato farne. Da piccolo, ma anche da ragazzo, ne ho macinati a quintali e tuttora conservo il gusto di leggere gli albi che m’incuriosiscono maggiormente.
Quanto all'essere autore, l'origine di tutto sta molto banalmente fra i banchi di scuola, in prima liceo, quando con altri amici ci divertivamo a scambiarci vignette durante le materie più pallose. Una di queste la imbucai nella cassetta delle lettere del "Vernacoliere" e da lì è iniziata una collaborazione durata 26 anni. Il resto è una serie di catapulte: i fumetti pubblicati sul "Vernacoliere" mi hanno fatto notare da Alfredo Castelli, che mi ha portato in Bonelli e da lì le altre collaborazioni, con la Francia, con la Panini, etc…

Sei mai stato e, magari, sei ancora un appassionato di comics Marvel? Quali sono i tuoi autori, personaggi e saghe favoriti?

Lo sono stato da adolescente, quando ero incuriosito dai diversi generi che si potevano trovare in edicola, dai diversi disegnatori e stili che c’erano nel mondo, dalle varie scuole, e io cercavo di capire e apprendere da tutti. Troppi, forse, ma questo è un altro discorso. Degli sceneggiatori non ricordo granché, tranne l’apporto di Claremont agli X-Men, il gruppo che trovavo più interessante, e di Miller con Devil. Principalmente ero affascinato dal versante grafico: mi affascina(va)no le soluzioni pittoriche di Sienckiewicz, Jon J. Muth, Kent Williams, mentre Alex Ross non mi ha mai detto granché, come tutti quelli che si attengono troppo strettamente al ricalco fotografico, cosa che purtroppo sembra andare particolarmente di moda in questo momento. Preferisco l’interpretazione personale, a costo di deformazioni e licenze nel disegno.
Oggi mi piacciono particolarmente Garth Ennis, Jason Aaron e Ed Brubaker quanto alla scrittura, mentre sul fronte del disegno giudico eccezionale il lavoro di Goran Parlov.

Puoi rivelarci qualche “dietro le quinte” sulle genesi della tua variant cover per “Avengers” # 5? Come è nata l'idea e come l'hai portata a compimento, dal punto di vista creativo e tecnico?

Mi piacerebbe millantare manovre nascoste e scoop siderali che mi hanno portato alla cover, magari romanzando le varie tappe. Ma purtroppo non c’è granché da dire, se non che Sara Mattioli e Nicola Peruzzi, in piena scadenza del numero 11 di "Nirvana", mi hanno chiesto se volessi cimentarmi nella realizzazione di una variant cover dei Vendicatori. Ero in ritardo con gli extra di Nirvana e non sapevo se mi sarebbe bastato il tempo, ma Sara e Nicola, astutamente, mi hanno detto che avrei avuto licenza di interpretazione. In breve, che avrei potuto farla umoristica, con un tratto grottesco. Non ce l’ho fatta a dire di no.
Unico retroscena: nella versione originale a Hawkeye, che si prende una scudata nel viso da Cap, partiva qualche goccia di sangue dal naso. Ma, pensando alla politica editoriale della Marvel, che avrebbe dovuto approvare la cover, mi hanno chiesto di toglierle. Niente di che.

Sarai ospite allo stand Panini Comics di "Lucca Comics" per autografare l'albo. Cosa ti aspetti dall'incontro con i “Marvel fan” rispetto ai tuoi abituali lettori?

Non ne ho la più pallida idea. Potrebbero acclamarmi salutando la variant con osanna fortissimi in mio onore o prendermi a seggiolate per aver offeso la loro sensibilità e le loro aspettative. Nel secondo caso, mi presenterò almeno con un elmetto Magneto-style.

Ti piacerebbe in futuro metterti di nuovo alla prova sui super-eroi della “Casa delle Idee”, magari disegnandone anche qualche storia, oltre ad eventuali copertine? Potendo scegliere, su quale personaggio ti piacerebbe lavorare ed in compagnia di quale sceneggiatore?

Beh, come dire di no. Mi piacerebbe, certo, anche se non in maniera assidua. Sarei indubbiamente esaltato all'idea di disegnare una storia o un breve ciclo di storie. Quanto ai personaggi, non amo particolarmente quelli semi-divini o comunque potentissimi, alla Thor per intenderci. Mi piacerebbe mettermi alla prova con qualche villain, Bullseye per esempio, o Kingpin. O il Punitore, personaggio a cui Ennis ha saputo dare sfumature inedite, pur senza snaturarne la natura da psicopatico. Dai, avvisate Ennis, che immagino non avrà niente di meglio da fare, se scrive per me una miniserie di 4 numeri con Kingpin e il Punitore e mi ci metto anima e corpo.

Per chi già ti conosce come autore di “Don Zauker” e di “Nirvana” o per i tuoi lavori su "Martin Mystere" e "Dylan Dog", puoi rivelare qualcosa sui tuoi futuri progetti?

Nel carniere c’è tanta roba: Panini ci ha chiesto la terza stagione di Nirvana, che però faremo uscire dopo una pausa di qualche mese dalla fine della seconda. Con Emiliano Pagani, poi, abbiamo anche intenzione di fare un terzo albo di "Don Zauker", anche se non sappiamo ancora quando.
Sul versante Bonelli, infine, sto ultimando un albo della collana “Le storie”, su sceneggiatura di Paola Barbato. Credo che uscirà nella prima metà del 2014 (l’albo, non la Barbato). Dopodiché passerò a Dylan, di cui, con Roberto Recchioni, faremo il seguito del “Giudizio del corvo”.

Infine, cercando on line un tuo sito di riferimento, ci siamo resi conto che non sei molto attivo in rete. Non hai tempo da dedicare a questa forma di comunicazione o c'è qualche altro motivo che ti tiene lontano dal “world wide web”?

Un mio sito di riferimento c’è, ed è danielecaluri.com, che in verità non aggiorno da troppo tempo. Inoltre ho donzauker.it e nirvanacomics.it, che gestisco insieme a Emiliano Pagani.
Se invece per attività in rete intendi la scarsa presenza nei social forum non posso che darti ragione: non ho un profilo Facebook, né Twitter, né d’altro tipo. E tutto sommato, come supponi giustamente, ciò è dovuto davvero al tempo che mi manca. Naturalmente, si vive nel momento storico che ci capita, e fuggire dai mezzi a nostra disposizione è antistorico. Sono perfettamente cosciente che il cogito ergo sum di cartesiana memoria oggi è diventato “twitto, dunque sono” e che la presenza o meno di un qualsivoglia autore nei sf contribuisce a determinarne la percezione che di lui si ha all'esterno. Non so questo se sia un bene o un male, ma la presenza in rete, di fatto, è diventata parte integrante del lavoro.
Tuttavia, per quanto talvolta legga status interessanti o opinioni discutibili, che mi piacerebbe commentare abbandonandomi a thread lunghissimi, ripeto: la mancanza di tempo e spesso anche di interesse mi fa desistere.

Me ne farò una ragione.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Tutti gli autori Marvel italiani...

Alberto Ponticelli (3) Alessandro Vitti (22) Andrea Di Vito (11) Andrea Mutti (7) Andrea Silvestri (2) Andres Mossa (3) Antonio Fuso (9) Arturo Lozzi (4) Barbara Ciardo (15) Carmine Di Giandomenico (39) Christian Cornia (2) Christian Dalla Vecchia (2) Claudio Castellini (9) Claudio Villa (3) Cristina Giorgilli (1) Daniele Brolli (2) Daniele Rudoni (6) Dante Bastianoni (5) David Messina (7) Davide Gianfelice (5) Denis Medri (8) Domenico Neziti (2) Elena Casagrande (6) Elia Bonetti (4) Emanuela Lupacchino (5) Fabio D'Auria (10) Fabrizio Fiorentino (4) Fabrizio Frizzi (1) Fabrizio Ugolini (1) Federica Manfredi (4) Federico Nardo (4) Filippo Curzi (1) Francesca Ciregia (2) Francesca Pesci (1) Francesco Artibani (4) Francesco Francavilla (10) Francesco Mattina (7) Francesco Meo (2) Gabriele Dell'Otto (45) Giancarlo Caracuzzo (1) Giancarlo Olivares (4) Gianluca Gugliotta (11) Giorgio Cavazzano (4) Giorgio Lavagna (1) Giuseppe Camuncoli (44) Giuseppe Matteoni (2) Jacopo Camagni (7) Laura Villari (6) Lelio Bonaccorso (2) Leo Ortolani (6) Lorenzo Ruggiero (10) Luca Enoch (1) Luca Malisan (1) Lucio Parrillo (13) Marco Castiello (9) Marco Checchetto (29) Marco Failla (2) Marco Santucci (16) Marco Turini (11) Mario Alberti (13) Mario del Pennino (1) Massimiliano Veltri (1) Matteo Buffagni (6) Matteo Casali (8) Matteo De Longis (3) Matteo Lolli (5) Matteo Scalera (12) Michele Bertilorenzi (4) Michele Medda (1) Milo Manara (6) Mirco Pierfederici (11) Onofrio Catacchio (8) Oscar Celestini (3) Paolo Pantalena (7) Pasquale Qualano (13) Patrick Piazzalunga (2) Pino Rinaldi (3) Riccardo Burchielli (3) Roberto Di Salvo (8) Romina Moranelli (2) Sal Velluto (1) Sara Pichelli (40) Serena Ficca (1) Sergio Algozzino (4) Sergio Toppi (1) Simone Bianchi (36) Simone Peruzzi (7) Stefano Caselli (26) Stefano Gaudiano (3) Stefano Landini (4) Stefano Raffaele (5) Stefano Vietti (5) Tito Faraci (5) Tommaso Bennato (1) Valerio Schiti (7) Vincenzo Acunzo (3) Vincenzo Cucca (5) Werther Dell'Edera (10)

Disclaimer

Web site texts and images, © 2014 Panini S.p.A., all rights reserved. Marvel Comics and all related images and logos are © 2014 MARVEL (marvel.com). All other images are © and TM their respective owners.

All copyrighted material is used only for journalistic and promotional purposes.

Format "Marvel made in Italy" © 2007/2014 and created by Matteo Losso.

Blog hosted on